Corso di preparazione agli esami di francese DELF A1, A2, B1, B2

Con questa simulazione dell’ esame DELF A2 potrai vedere se sei pronto a sostenere l’esame di francese DELF A2.

Questa simulazione dell’esame DELF A2 ti permetterà di prendere confidenza con le 4 prove dell’esame.

Compréhension orale

Exercices 1-4

 

 

Compréhension écrite

Exercices 1-4.

 

 

Production écrite

Production écrite

 

 

Production orale

Production orale DELF A2

Quando hai finito la simulazione dell’esame DELF A2, guarda il tuo punteggio.  

Se è sufficiente, puoi prenotarti per sostenere l’esame DELF A2 e puoi vedere qui la sede di esame più vicina a casa tua. 

Se il risultato non è sufficiente, ti suggerisco di : 

 

 

 

La timidezza, una brutta bestia !!!
imagesEsistono due gruppi di apprendenti  : nel primo troviamo coloro che non hanno difficoltà ad esprimersi, pur sapendo di fare errori; nel secondo incontriamo coloro che hanno paura di sbagliare  col risultato di rimanere spesso muti. 
Mi rivolgo a questo secondo gruppo al quale voglio dare dei consigli. 
La prima cosa da tener presente è che è inevitabile fare degli errori quando si impara una lingua. Se così non fosse, non avrebbe senso seguire un corso. Nessuno può pensare di affrontare un percorso di apprendimento senza errori, salvo essere un genio… (ce ne sono fra voi ??)
D’altra parte, l’errore, sia esso di pronuncia, grammaticale, sintattico etc. è paradossalmente utile. Infatti, un errore seguito da una correzione chiara e circostanziata fa sì che l’apprendente capisca l’errore e non lo ripeta più. Nella mia attività di docenza induco spesso i miei studenti a fare errori “strategici” per poter spiegare ed approfondire alcuni punti che possono essere critici. Statisticamente, molto spesso questi errori non si ripetono più. Ovviamente, è necessario che l’apprendente sia ricettivo. 
Inoltre, non siate imbarazzati nei confronti dell’insegnante all’idea di sbagliare nella pronuncia, nella coniugazione di un verbo o in qualsiasi aspetto della lingua. Non farete mai brutta figura (salvo ripetere gli errori dopo le correzioni 🙂  Nessun insegnante degno di essere considerato tale riderà o si prenderà gioco di voi. La sua missione consisterà proprio nel fornire tutte le spiegazioni utili affinché tutti i dubbi e tutte le domande  dell’apprendente trovino le dovute risposte. Quasi sempre l’imbarazzo sta nell’apprendente. Non dimenticate che l’insegnante sta lì per aiutarvi. 
Quindi, cari apprendenti timidi, sappiate che è utile sbagliare, non fatevi bloccare da eventuale errori che potreste fare  e fidatevi sempre del vostro insegnante. 
“Buttatevi” e vedrete che otterrete ottimi risultati !!!!!